Come comunica il Lupo ed Il Cane Lupo Cecoslovacco 2 parte

2 Parte

Come comunica il Lupo

&

Il Cane Lupo Cecoslovacco

1 Parte abbiamo visto nel dettaglio:

  • Come comunica il Lupo,
  • Sottomissione Passiva
  • Sottomissione Attiva

1  Parte bis abbiamo proseguito con:

  • Fuga
  • Segnali olfattivi

Oggi nella 2 Parte leggerai nel dettaglio:

  • Le Comunicazioni Ottiche,
  • Aggressione
  • Paura

Comunicazioni ottiche

Il linguaggio del corpo è particolarmente evidente quando l’atteggiamento tende all’aggressività.

Il lupo rimane eretto in tutta la sua altezza con i peli del dorso sollevati a formare una cresta che dal collo arriva oltre le scapole. La testa è tenuta alta, lo sguardo fermo, fisso sul “nemico”, orecchie puntate in avanti, la bocca chiusa e la coda sollevata. I movimenti in questa circostanza sono lenti e rigidi, pronti all’attacco.

cane lupo cecoslovacco

CDE Denik

“tipica postura di dominanza in questo caso nei confronti di Lothar all’interno del box”.

“Fanno tanto rumore, appena li libero, ma alla fine tutto si conclude senza conseguenze e presto ritorna il silenzio, la pace e la tranquillità”.

 

“…..Rizzandosi in piedi divenne improvvisamente il maestoso maschio.

Il collare del pelo gli si aprì fino a formare un’enorme aureola argentea che gli incorniciava il muso.

Il corpo gli si irrigidì finchè sembrò fatto di acciaio bianco.

La coda gli si sollevò finchè non fu alta, quasi rigidamente ricurva……”

Una storia vera tratta dal libro di Farley Mowat “Mai gridare al Lupo”.

Quando l’atteggiamento è invece di sottomissione attiva, cerca di placare l’aggressività del “nemico”.

I segnali sono opposti ai precedenti. Il lupo si fa il più piccolo possibile, flette gli arti vicino a terra, coda bassa e scodinzolante, orecchie basse e all’indietro,  occhi socchiusi.

Descrizione del video: Come puoi vedere, Cde Kenia femmina di 3 anni, viene annusata, da Cde Eso colore grigio lupo e Cde Denik colore grigio argento, due maschi di 6 anni. Mentre Denik se ne va, Eso il maschio in piedi, ha un atteggiamento aggressivo, coda a bandiera orecchie erette pelo dritto portamento “regale” nei confronti di Kenia, che con la sua postura, arti vicino a terra, coda scodinzolante, orecchie basse all’indietro, occhi socchiusi, evidenzia una netta sottomissione e tutto ritorna alla normalità.  Kenia, si sottomette e poi scappa, perchè devo sottolineare che in questo caso, sta ancora all’attando i suoi cuccioli che al momento della realizzazione del video avevano 33 giorni. Quindi adotta una strategia, di vera sensibilità e astuzia legata alla preservazione della sua prole.


Aggressione e Paura:

In un famoso studio datato 1963, il Premio Nobel Konrad Lorenz proponeva una serie di  cambiamenti mimici evidenti nel lupo a seconda dei suoi stati d’animo.

In uno stato di neutralità, con un livello di emotività basso, il lupo tiene le orecchie erette e la bocca serrata.

In un momento di paura, invece, le orecchie vengono portate all’indietro fino ad accostarsi al cranio. Con il crescere del livello di aggressività,  la bocca si apre ed i denti vengono mostrati sollevando le labbra.

Le due mimiche in alcuni casi possono essere esibite contemporaneamente.

Lo studioso Zimen nel 1978 fece notare che, tutte le volte in cui capitò di assistere a lotte efferate (che accadevano di rado), l’attacco si manifestava improvvisamente, senza alcuna mimica ottica o acustica, quasi a non voler creare dispersione di energia prima dello scontro.

E’ stata individuata anche un’altra mimica estrema in antitesi con la precedente e denominata “della grande paura”: in questo caso le orecchie sono rivolte all’indietro, la bocca è aperta, i denti ben visibili.

Questa postura è stata osservata come reazione ad  un attacco che costituisce una pericolosa minaccia. Nel   complesso  è interpretata da Zimen come espressione della massima prontezza alla difesa.

 

 

Descrizione Video: qui puoi vedere Cde Eso maschio di 6 anni colore grigio lupo, che trovandosi in svantaggio,  durante il gioco, esibisce la sottomissione passiva a Cde Denik maschio di 6 anni, colore grigio argento, in piedi sopra di lui pronto ad attaccare, ma alla vista della sottomissione di Eso tutto torna alla normalità.

Questi atteggiamenti all’interno del mio “branco” sono molto frequenti servono a stabilire sempre chi comanda che a sua volta serve per mantenere l’armonia e l’equilibrio tra i vari componenti.

Ho notato come dice lo studioso Zimen che questi atteggiamenti da parte del Cane Lupo Cecoslovacco rivolti ai suoi conspecifici, alcune volte, avvengono senza preavviso, sta all’abilità e intelligenza, del soggetto sottoposto al “test”, essere pronto e reattivo questo, in alcuni casi, gli salverà la vita.”

 

“Ogni essere vivente non vive solo,

né per se stesso”.

                                                                        William Blake

 

 

Se pensi che questo articolo possa essere utile condividilo con chi vuoi tu.

Un meraviglioso Saluto Lupesco

Daniela

 

 

 

 

L'autore: Daniela Ciotti

Una donna,  che ha fatto della sua passione per gli animali, la missione di una vita. Creatrice e Fondatrice del Centro Allevamento Cosmo Daniel Elite Riconosciuto Enci -Fci dal 1993 per lo Studio e Formazione sul Cane Lupo Cecoslovacco. Autrice e Scrittrice del Best Seller "Il Cane Lupo Cecoslovacco".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2014 - ilcaneluposlovacco.it | Privacy e Termini di utilizzo | Design by Andrea Leti