Come comunica il Lupo ed il Cane Lupo Cecoslovacco 2 parte bis

2 Parte bis

Come comunica il Lupo

&

Il Cane Lupo Cecoslovacco

Le comunicazioni ottiche.

  • Inibizione a mordere 
  • il gioco

Nella 2 parte è stata descritta:

  • L’ aggressione &  La paura

 

Inibizione a mordere:

Descrizione del video: come puoi vedere i due cuccioli, Cde Morfeo di sesso maschile e Cde Maya di sesso femmile entrambi di 60 giorni, mettono in scena una finta lotta, in questo caso, innescata da Morfeo e Maya molto contrariata, perchè non ha voglia di giocare con lui, gli mostra i denti con un sonoro ringhio. Tutta la scena è sotto il vigile controllo dalla lupa adulta Cde Sofì età 15 mesi che è la zia dei cuccioli.

Questi atteggiamenti tra cuccioli, non devono spaventare, ed è meglio non intervenire, sempre che la lotta non degeneri, per esperienza posso dire che, tra cuccioli non capita mai. Sono atteggiamenti finalizzati per capire, fino a che punto, ci si può spingere verso un componente del branco, senza innescare le reazioni dell’avversario, come in questo caso la piccola Maya.

Sono rituali di fondamentale importanza, che renderanno equilibrato e attento il lupo, quando avrà raggiunto l’età adulta. Infatti se venissero a mancare, il Cane Lupo Cecoslovacco da adulto, in presenza di un altro esemplare non saprebbe come comportarsi in modo corretto.

Nei Lupi i combattimenti feroci, con feriti gravi o morti, sono molto rari, nell’implicita consapevolezza che gli scontri siano pericolosi in modo biunivoco.

I cuccioli, per esempio, imparano a fare la lotta giocando e comprendono che se mordono troppo forte un loro compagno, questo  si arrabbierà e reagirà di conseguenza.

ab

L’inibizione a mordere di un lupo dipende molto dalle sue “dolorose”esperienze passate, intese come morsi ricevuti dalle vittime dei suoi attacchi.

L’inibizione, che di fatto rappresenta un sistema di autodifesa, viene superata solo in caso di interessi vitali come il raggiungimento della posizione Alfa o la minaccia di perdere il ruolo di leader.

CDE Maya età 60 giorni

 

“All’interno del mio “branco”, sono molto rari degli scontri fisici con conseguenze serie. Capita, però, che si verifichino delle tensioni durante il periodo dell’estro delle femmine, oppure legate alla priorità del cibo.

Non ho mai visto, comunque, soggetti con lesioni gravi.

È capitato talvolta di rilevare delle piccole ferite spesso derivate dal fatto che i cani appartenenti a questa razza hanno denti molto sviluppati e, soprattutto da cuccioli, molto taglienti.

Il fatto che questi episodi si verifichino raramente è comunque legato anche alla scelta di selezionare le varie simpatie fra i soggetti che sono destinati a stare insieme nello stesso recinto. Sicuramente, come ho raccontato, sarebbero molto pericolosi gli eventuali scontri tra due maschi dominanti gelosi delle loro femmine.

Una curiosità è il fatto che nel caso di un eventuale scontro, che non sia finalizzato alla conquista della leadership, i Cani Lupo Cecoslovacco non serbano rancore limitando la tensione al momento dell’imposizione fisica. Dopo pochi minuti, infatti, iniziano nuovamente a giocare come se nulla fosse accaduto”.  

Il Gioco:

Fra gli adulti, il gioco ha importanza ponderante. E’ infatti usato nei conflitti sociali, nelle relazioni gerarchiche, nel rituale amoroso che segue l’accoppiamento, nel mantenimento della leadership o nella gestione delle risorse disponibili quali il cibo.

Descrizione del video: qui puoi vedere, tre femmine di Cane Lupo Cecoslovacco di colore grigio argento, CDE Indusia età 10 anni. CDE Kenia età 3 anni, CDE Sofì età 18 mesi.

Appena uscite dai loro rispettivi recinti, devono stabilire la gerarchia, da notare che Kenia ha i cuccioli di 50 giorni che per il momento ho ritenuto opportuno tenere chiusi nel loro recinto. A sollecitare il rituale, tra le 3 lupe, CDE Lothar età 9 anni colore grigio lupo, CDE Dorotea età 13 anni colore grigrio argento, ed CDE Evaristo età 6 anni, colore grigio lupo.

Puoi notare per prima cosa, la sottomissione di Kenia e Sofì nei confronti della lupa adulta Indusia, successivamente la dominanza di Kenia nei confronti della Sofì. Quindi secondo la loro scala gerarchica, in questo caso: Indusia Leader, Kenia Beta e Sofì subordinato, o gregario, all’ultimo posto.

Appena Sofì si sottomette, anche se non è troppo convinta, notare le orecchie della Sofì, che tiene come le ali di un aereo, in questo modo vuole comunicare alla Kenia: ok ho capito mi sottometto, ma fai basta, altrimenti ti attacco.

Infatti la Kenia riceve il messaggio smette e tutto torna alla normalità ed io mi appresto ad aprire i lupetti.

“giocano tra di loro in maniera poco gentile, ma per loro è la normalità non ho mai visto due miei lupi farsi male, durante la fase del rituale, per stabilire la dominanza”

Lo scopo principale, del rituale alla dominanza, seguito dal gioco, è l’evitare lo scontro aggressivo. Il gioco simulato  con altri scopi è, invece, espressione di astuzia.

Un lupo adulto, per esempio, può riuscire ad impossessarsi del cibo distraendone il possessore con un invito al gioco.  Questo comunque accade solo nei confronti dei giovani inesperti. Le funzioni del gioco cambiano durante la vita e si evolvono con l’età.

Descrizione del video: “Cde Nadim, una cucciola di 5 mesi che ho inserito assieme a tre soggetti adulti, due di sesso femminile Cde Sofi 2 anni grigio argento, Cde Maya età 17 mesi colore grigio lupo e Manlio età 17 mesi di sesso maschile, colore grigio argento.

Nadim ha un carattere molto vivace e risoluto, ma ha imparato a sottomettersi agli adulti, rispettandoli.

Nadim, essendo una cucciola molto vispa, non accetta la sottomissione fino a quando il suo muso sembra sparire all’interno della bocca dei suoi amici, che con delicatezza senza stringere troppo la morsa dei denti, l’ammoniscono. Solo dopo alcuni ripetuti solleciti da parte degli adulti nei confronti della cucciola ad accettare la sottomissione, vanno a bere insieme e iniziano a giocare tutti, allegramente”.

CDE Kenia con i suo cuccioli di 50 giorni

gioco eso denikI cuccioli giocano da soli per imparare a dominare meglio la dinamica dei movimenti, mentre in gruppo il gioco diventa più rude e si impara quanto a fondo si possa mordere senza esasperare i compagni.

Con l’esperienza diventerà sempre più pacifico e rilassato. Nell’età giovanile il gioco diventa di nuovo più aggressivo, in particolare tra le femmine. La ragione di questo risiede nel fatto che viene utilizzato per portare avanti strategie di conflitto sociale.

 

Gli adulti giocano con i loro pari di rango. Il maschio Alfa, per esempio, gioca meno di tutti, e la femmina Alfa viene subito dopo tra gli eletti alla serietà. Gli inferiori giocano molto più spesso, ma questo è dovuto al fatto che devono continuamente esibire la loro sottomissione e  con questa determinare la loro permanenza nel branco, quindi è questione di vita o di morte.

Descrizione del video: in questo video puoi vedere Cde Kenia, che invita al gioco, i suoi due cuccioli, Maya e Manlio età 3 mesi, e appena esagera, arriva subito papà Cde Evaristo a rimettere ordine, invitando Kenia a giocare con lui, puoi notare molto bene, come i loro cuccioli, imitino alla perfezione ogni loro gioco. Infatti questo è il modo per eccellenza, in cui si educa i cuccioli, attraverso l’imitazione degli adulti ecco perchè è altrettanto importante che, gli esemplari con cui i cuccioli vengono in contatto, siano, il più equilibrato possibile.

Ci sono diverse tattiche di gioco. La più frequente è quella di rincorrersi, con una relazione simile a quella che si instaura tra cacciatore e preda. L’unica differenza sostanziale è che tra i lupi questa relazione è reversibile e possono verificarsi degli scambi di ruolo.

“Kenia inseguita da Evaristo che a sua volta è inseguito dai loro due cuccioli di 3 mesi è un vero spettacolo vederli rincorrersi per tutto il parco di casa ad una velocità incredibile e all’improvviso cambiare ruolo Kenia che insegue Evaristo”.

 

Se pensi che questo articolo possa essere utile metti mi piace e condividilo

Un meraviglioso Saluto Lupesco

Daniela

L'autore: Daniela Ciotti

Una donna,  che ha fatto della sua passione per gli animali, la missione di una vita. Creatrice e Fondatrice del Centro Allevamento Cosmo Daniel Elite Riconosciuto Enci -Fci dal 1993 per lo Studio e Formazione sul Cane Lupo Cecoslovacco. Autrice e Scrittrice del Best Seller "Il Cane Lupo Cecoslovacco".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2014 - ilcaneluposlovacco.it | Privacy e Termini di utilizzo | Design by Andrea Leti